Human peripheral blood mononuclear cells (PBMCs) from smokers release higher levels of IL-1-like cytokines after exposure to combustion-generated ultrafine particles
Rivista
Sci Rep. 2017 Feb 227:43016. doi: 10.1038/srep43016. PMID: 28223692
 
Titolo
Human peripheral blood mononuclear cells (PBMCs) from smokers release higher levels of IL-1-like cytokines after exposure to combustion-generated ultrafine particles
 
Autori
De Falco G, Terlizzi M, Sirignano M, Commodo M, D'Anna A, Aquino RP, Pinto A, Sorrentino R.
 
Dettagli autore SIF Giovani
MICHELA TERLIZZI, Dipartimento di Farmacia, Università degli Studi di Salerno, Italia, Via Giovanni Paolo II 132, Fisciano, 84084, Salerno, Italia. E-mail: mterlizzi@unisa.it.
 
Breve descrizione dell’articolo
Le particelle ultrafini (UFP) generate da processi di combustione sono spesso associate a danni a carico della salute dell’uomo. Ciononostante, la loro attività tossicologica/pro-infiammatoria risulta ancora poco definita. A tale scopo, abbiamo trattato con UFP, a basse concentrazioni, cellule primarie umane, ottenute dal sangue di soggetti sani o fumatori (PBMCs). Il trattamento con UFP delle PBMCs di non fumatori rilasciavano maggiori quantità di IL-10, citochina immunosoppressiva. Al contrario, le PBMCs di fumatori rilasciavano IL-1α, IL-18 e IL-33.
Il rilascio di tali citochine era caspasi-1- e inflammosoma Nod-like receptor protein 3 (NLRP3)-dipendente, mentre, il rilascio di IL-1α era calpaina-dipendente. Questo effetto non era associato a morte cellulare, come indicato in letteratura, a seguito dell’attivazione dell’inflammosoma, e dato mai evidenziato prima, il rilascio di citochine IL-1-like risultava pronunciato soprattutto a basse concentrazioni (5–100 pg/ml).
I nostri studi evidenziano, a differenza di quanto riportato in letteratura, che in soggetti fumatori le PBMCs sono sensibili a UFP, anche a basse concentrazioni, che promuovono un processo infiammatorio inflammosoma-dipendente responsabile del rilascio di IL-1α, IL-18 e IL-33. Questi dati confermano che i soggetti fumatori sono più suscettibili a patologie respiratorie, ponendo l’attenzione sul complesso dell’inflammosoma attivato a seguito di esposizione ad inquinanti ambientali. 
Ultimo aggiornamento: 11.04.2017
Disclaimer - Ricezione pubblicazioni SIF - Sostieni la Ricerca - Chi siamo