FDA approva un nuovo farmaco per il trattamento della sclerosi multipla
Ocrevus, designato breakthrough therapy, è il primo farmaco approvato dall’FDA, con procedura di fast track e revisione prioritaria, per  il trattamento delle forme recidivanti di sclerosi multipla (SM) sclerosi multipla primaria progressiva (SMPP).
Due studi clinici che hanno coinvolto 1.656 pazienti trattati per 96 settimane, hanno portato all’approvazione del farmaco. Ocrevus è stato confrontato con Rebif (interferone beta-1a). In entrambi gli studi i pazienti che hanno ricevuto Ocrevus hanno mostrato una riduzione dei tassi di ricaduta e un rallentamento del peggioramento della disabilità.
In un altro studio sulla SMPP (Ocrevus vs placebo) sono stati arruolati con 732 pazienti trattati per almeno 120 settimane. I pazienti ai quali è stati somministrato Ocrevus hanno mostrato un tempo prolungato prima del peggioramento della disabilità rispetto agli altri cui è stato somministrato il placebo.
A seguito delle numerose reazioni avverse causate dal medicinale, lo stesso deve essere dispensato unitamente ad una Medication Guide per il paziente contenente importanti informazioni sull’utilizzo e sui possibili rischi. Le reazioni avverse osservate durante gli studi sono state: prurito, rash, orticaria, arrossamento della pelle, pressione bassa, febbre, stanchezza, vertigini, mal di testa, irritazione della gola, respiro corto, nausea, infezioni del tratto respiratorio superiore, e nella forma primaria progressiva le infezioni delle alte vie respiratorie, del tratto respiratorio inferiore e della pelle. Il farmaco può inoltre aumentare il rischio di tumori maligni, soprattutto il cancro al seno.
 
Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link:
https://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm549325.htm
Ultimo aggiornamento: 05.05.2017
Disclaimer - Ricezione pubblicazioni SIF - Sostieni la Ricerca - Chi siamo